31 MAGGIO 2019

CHIUSURA MESE MARIANO

IMG_20190513_0001

Testi meditazione 31 maggio 2019

Come tutti gli anni, le nostre meditazione sono tratte dagli scritti dei cantori di Maria.
Nel 2016 ,centenario della nascita di S.Luigi Grignion di Monfort,(1673-1716) abbiamo tratto le meditazioni del S.Rosario dai suoi scritti.
Nel 2017, le meditazioni sono state tratte dal “Il Divoto di MARIA VERGINE” libricino scritto dal Gesuita Paolo Segneri nel 1670.
Nel 2018, le meditazioni sono state tratte dagli scritti di San Bernardo,
Quest’anno 2019, le meditazione recitate, prima dei misteri del Santo Rosario, che oggi Venerdì sono i Dolorosi, sono di S.Domenico, il più grande cantore del Rosario.
Queste meditazioni fanno parte del SEGRETO MERAVIGLIOSO DEL SANTO ROSARIO, scritto da S.Luigi Grignion da Montfort,
La cui introduzione è la seguente:
Il Rosario ha un posto importante nell’attività apostolica di S.Luigi Maria da Montfort. Pur trattandosi di una pratica particolare della devozione a Maria, il Montfort era talmente convinto del valore e dell’efficacia pastorale del Rosario da farlo entrare nei mezzi più opportuni per rinnovare lo spirito del cristianesimo nei cristiani. La sua testimonianza a questo proposito è quanto mai chiara ed esplicita: “Ho costatato personalmente l’efficacia di questa preghiera per convertire i cuori più induriti. Ho trovato persone che, per nulla scosse dalla predicazione delle più tremende verità, durante una missione avevano accolto il mio consiglio di recitare il Rosario tutti i giorni e si convertirono dandosi interamente a Dio. E ho anche costatato una enorme diversità di costumi tra le popolazioni delle parrocchie dove avevo predicato la missione: le une, avendo abbandonato la pratica del Rosario, erano ricadute nel peccato: le altre, per averla conservata, si sono mantenute in grazia di Dio e crescono ogni giorno nella virtù”
In base a questa esperienza, il Montfort prescrive ai missionari della Compagnia di Maria di diffondere “la grande pratica del Rosario quotidiano”, di spiegarne i misteri e le preghiere con la predicazione e con mezzi visivi e di recitarlo pubblicamente durante le missioni. La preghiera del Rosario “ è uno dei più grandi segreti, venuto dal cielo per irrorare i cuori con la rugiada celeste e per far fruttificare la Parola di Dio”

1° meditazione

ROSA VENTINOVESIMA (95)
Non è da credere che il Rosario sia buono soltanto per le donne, per i piccoli e gli ignoranti; esso è buono altresì per gli uomini e tra essi per i più ragguardevoli. Non appena san Domenico ebbe riferito a Papa Innocenzo III l’ordine ricevuto dal cielo di istituire questa Confraternità il Pontefice approvò ed esortò il Santo a predicarla. Anzi volle farne parte egli stesso, e con lui diedero il proprio nome entusiasticamente gli stessi cardinali, tanto chr Lopez non esita a dire: “Nessun sesso, nessuna età, nessuna condizione sociale, si è potuta sottrarre alla devozione del Rosario”.
Sono, infatti, iscritti in questa Confraternita persone di ogni categoria: duchi, principi, re, prelati, cardinali, sommi Pontefici. Troppo lungo sarebbe enumerarli. Perciò, caro lettore, se entrerai in questa confraternita parteciperai alla loro devozione, alle loro grazie qui in terra e alla loro gioia in cielo. Associato con loro nella devozione, avrai in comune anche la dignità.

2° meditazione

ROSA TRENTUNESIMA (98)
In una visita a Bianca, regina di Francia, che dopo dodici anni di matrimonio non aveva ancora figli ed era perciò molto afflitta, san Domenico le consigliò di recitare ogni giorno il Rosario per ottenere dal cielo tale grazia. Ella così fece e nel 1213 diede alla luce il primogenito che chiamò Filippo. Ma la morte glielo rapì ch’era ancora in fasce e allora la pia regina ricorse più che mai a Maria, facendo anche distribuire gran numero di corone del Rosario a tutta la corte e in parecchie città del regno perché Dio le concedesse il sospirato favore. E fu esaudita poiché del 1215 le nacque Luigi, la gloria di Francia ed il modello dei re cristiani.

3° meditazione

ROSA TRENTUNESIMA (99)
Alfonso VIII re d’Aragona e di Castiglia da Dio in diversi modi per i suoi peccati, fu costretto a ritirarsi nella città di un suo alleato. Avvenne che in quella città il giorno di Natale san Domenico predicasse come sempre sul Rosario e sulle grazie che non esso si ottengono da Dio. Tra l’altro disse che coloro che lo recitano devotamente riportano vittorie sui nemici e ritrovano ogni cosa perduta. Colpito da tali parole il re fece ricercare san Domenico e gli chiese se fosse vero quanto aveva detto circa il Rosario. Il Santo rispose che non doveva dubitarne e l’assicurò che ne avrebbe sperimentato gli effetti se avesse praticato la devozione al Rosario e si fosse iscritto nella Confraternita. Il re, allora, decise di recitare ogni giorno il Rosario e fu fedele.

4° meditazione

ROSA TRENTADUESIMA (100)
San Domenico aveva un cugino di nome don Perez o Pedro, che conduceva una vita molto dissoluta. Costui un giorno, avendo sentito dire che il santo stava predicando sulle meraviglie del Rosario e che per tale mezzo molti si convertivano e cambiavano condotta, si disse: “Avevo perduto ogni speranza di salvarmi, ma ora riprendo fiducia; bisogna che anch’io vada ad ascoltare questo uomo di Dio”. E andò alla predica di san Domenico. Questi, non appena lo vide, pregò in cuor suo il Signore perché aprisse gli occhi al cugino, e si rendesse conto dello stato miserando della propria anima; raddoppiò di energia nel tuonare contro i vizi. Don Perez ne fu alquanto scosso ma non tanto da risolversi a cambiare vita. Tornò, tuttavia, alla predica seguente.

5° meditazione

ROSA TRENTATREESIMA (101)
Mentre predicava il Rosario nelle vicinanze di Carcassonne, a San Domenico fu presentato un eretico albigese posseduto dal demonio. Il Santo, davanti ad una folla che si ritiene composta di oltre dodicimila persone, lo esorcizzò, e i demoni che tenevano in dominio quel miserabile, furono costretti, loro malgrado, a rispondere alle domande dell’esorcista. E confessarono 1) che nel corpo di costui erano in quindicimila perché egli aveva osato combattere i quindi misteri del Rosario; 2) che san Domenico con suo Rosario terrorizzava tutto l’inferno e che essi stessi odiavano lui più di qualsiasi altra persona perché con questa devozione del Rosario strappava loro le anime; 3) rivelarono inoltre parecchi altri particolari.

6 Gennaio 2019 ore 16,00

CONCERTO PER DUE ORGANI

001

GIOVEDì 31 MAGGIO 2018

CHIUSURA DEL MESE MARIANO

foto evento 31 maggio 2018

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TESTI MEDITAZIONE 31 Maggio 2018

Come tutti gli anni, le nostre meditazioni sono tratte dagli scritti dei cantori di Maria.

Nel 2016,centenario della nascita di S.Luigi Grignion di Monfort,(1673-1716) abbiamo tratto le meditazioni del S.Rosario  dai suoi scritti.

Nel 2017, le meditazioni sono state tratte dal “Il Divoto di MARIA VERGINE” libricino scritto dal Gesuita Paolo Segneri nel 1670.

Quest’anno 2018, le meditazioni sono tratte dagli scritti di San Bernardo, il più grande CANTORE di Maria.(1090-1153)

S.Luigi Grignion da Montfort, nel suo Trattato della vera Devozione, ha citato S. Bernardo ben 46 volte.

Lo stesso Dante, nel Paradiso non ha potuto fare a meno di citare S. Bernardo.

E’ difficile parlare di Maria senza parlare di S. Bernardo.

Si narra che S. Bernardo ogni volta che passava davanti ad una statua della Madonna, soleva dire “Salve Maria” ed un giorno la Madonna gli rispose “Salve Bernardo”

 

Prima di ogni mistero,verrà  recitata per il vostro ascolto, una citazione tratte dalle Omelie sulla Madonna di S. Bernado” tradotta dal Sacerdote Teodoro Ratisbonne, nel Maggio 1840.

Anche se oggi è Giovedì e la Chiesa propone la meditazione dei misteri della luce, le nostre meditazioni saranno solo su Maria.

 

1° Meditazione

Ascoltiamo l’angelo Gabriele e san Bernardo:

Io vi saluto, piena di grazie: il Signore è con voi:

voi siete benedetta infra le donne!

Quello che noi diciamo a gloria della Madre,

lo diciam pure a gloria del Figlio,

e quando noi onoriamo il Figlio,

esaltiamo insieme la Madre;

perocchè se, come dice la Scrittura,

il figlio sapiente forma la gloria e l’allegrezza del padre,

quale non debb’essere la gloria e la gioia di colei,

ch’è la madre della stessa Sapienza?

Ora, continua l’angelo:

non temete punto, Maria,

perché voi avete trovato grazia innanzi a Dio.

E quale grazia?

La distruzione dell’impero della morte, la riparazione della vita, la pace tra Dio e l’uomo.

Voi concepirete nel vostro seno e partorirete un figlio cui nominerete Gesù. Egli sarà grande, e verrà appellato

il Figlio dell’Altissimo.

 

2° Meditazione

Chi è costei, così egli esclama, chi è costei che

dal mezzo d’un deserto dove non regna che il dolore, l’afflizione, la fatica,

magnificamente appare sotto il Sole nell’affluenza delle sue spirituali delizie? …….Perchè mi tacero?

Le sue delizie consistono nell’onore della verginità

congiunta alla gloria della maternità, ed alle insegne della sua umilta’;

consistono le sue delizie nelle effusioni della carità dolce come il mele,

e nella pienezza delle sue grazie…..

Ma il solo pensare a Maria mi fa conoscere la mia insufficienza,

io non posso nascondere la mia incapacità.

Null’altro argomento più mi piace, e insieme più mi sgomenta,

quanto quello di un ragionamento sulla Vergine:

imperocché, senza aver riguardo all’altezza dè suoi gloriosi privilegi

e dè suoi meriti ineffabili,

bisogna considerare che tutti i fedeli

hanno una tale e tanta devota affezione per lei,

che tutti l’amano e la venerano per sì innumerevoli titoli

che quanto di lei puossi dire per ciò solo si è potuto parlare di lei,

riesce meno degno, meno puro, meno sublime della realtà.

 

3° Meditazione

Quale lingua, fosse pure quelle degli Angioli,

potrebbe celebrar degnamente la Vergine divenuta Madre,

non la Madre di un uomo, ma la Madre di un Dio!

Duplice meraviglia ! E ciò non basta ancora:

perché  le virtù che l’arricchiscono,

trovansì pure per avventura in altre anime:

ma queste virtù hanno in lei qualche cosa di straordinario.

Quale purezza potrà reggere

al paragone di quella che meritò di addivenire

il tempio dello Spirito Santo,

il santuario del Figlio di Dio ?

Quale innocenza fu giammai associata ad una grazia sì perfetta ? Quale gloria congiunta ad un’umiltà più profonda,

ad una coscienza più casta?

 

4° Meditazione

Nelle sue caste viscere, dice S.Bernardo,

ha cominciato la salute dell’universo:

in quelle beate viscere il Figlio di Dio

si è vestito dell’umana bellezza:

egli è corso all’incontro della Chiesa, sua sposa,

ornato di vesti d’una meravigliosa purezza:

egli ha ricevuto il bacio della pace sì lungamente sospirato,

e vergine ei pure, ha celebrato con la Vergine le sacre nozze.

Colà il muro d’inimicizia innalzato dalla colpa dell’uomo

tra il cielo e la terra venne atterrato:

il tempo e l’eternità hanno stretto alleanza,

quando la divinità e l’umanità si sono riunite

in una sola e medesima persona;

là il profeta Eliseo sì è impicciolito

per conformarsi al corpo dell’infante che voleva risuscitare……..

A che potrei io paragonarvi, o Madre dell’eterna Bellezza?

Voi siete il vero Eden;  voi ci avete scorto il frutto della vita,

e quegli che mangerà di questo frutto, vivrà in eterno!

La sorgente della vita che uscì dall’Altissimo,

si diffuse dal vostro seno, e dividendosi in quattro rami,

si dilatò ad innaffiare tutta la terra ed a colmare di gioia

la città di Dio.

 

5° Meditazione

Dante

“Vergine madre, figlia del tuo Figlio,

Umile ed alta più che creatura,

Termine fisso d’eterno consiglio.

 

Tu sé colei che l’umana natura

Nobilitasti sì, che il suo Fattore

Non disdegnò di farsi sua fattura.

 

Nel ventre tuo sì raccese l’amore

Per lo cui caldo nell’eterna pace

Così è germinato questo fiore.

 

Qui sé a noi meridiana face

Di caritate; e giuso, intra i mortali,

Sé di speranza fontana vivace.

 

Donna, sé tanto grande e tanto vali,

Che, qual vuol grazia e a te non ricorre,

Sua disianza vuol volar senz’ali.

 

6 GENNAIO 2018

CONCERTO PER DUE ORGANI

001

MARCOLEDI' 31 MAGGIO 2017

CHIUSURA DEL MESE MARIANO

foto concertofoto 2001

GIOVEDI’ 5 GENNAIO

 

Il nostro fratello, amico e volontario

GIANFRANCO BERGALLA

È salito al cielo

Ci ritroveremo alla Chiesa Nostra Signora degli Angeli

Per l’ultimo saluto terreno

Il giorno Giovedì 5 Gennaio alla ore 10,30

I volontari della Mensa di via Meridiana

VENERDI 6 GENNAIO 2017

concerto-due-organi

SANTO NATALE 2016

2240

FESTA DELL’IMMACOLATA CONCEZIONE

2239